Uffici scenografici, acusticamente rivoluzionari e arredamento casalingo tra le 7 tendenze degli spazi di lavoro del 2021

10 Dicembre 2020

Gli uffici del futuro saranno più piccoli, flessibili, confortevoli e attenti alla sostenibilità

L’anno che sta per concludersi ha inevitabilmente portato a dei grandi cambiamenti all’interno della nostra società, modificando il nostro modo di vivere, di socializzare, viaggiare e lavorare. La pandemia ha completamente rivoluzionato abitudini ed esigenze e una delle aree in cui tutti hanno potuto sperimentare i più grandi cambiamenti è proprio quella del luogo di lavoro. Lo smart working ha fatto da padrone per quasi tutto l’anno, portando con sé una serie di nuove necessità. L’ufficio del 2021 non potrà che tenerne conto e Tétris Italia, società specializzata nella progettazione e realizzazione di spazi di lavoro, ha esaminato le 7 tendenze dell’ufficio del futuro. Parole chiave: flessibilità, concentrazione, collaborazione e sostenibilità.

1. L’ufficio come social club

Gli spazi di lavoro del futuro saranno primariamente luoghi dove la collaborazione sarà preferita al lavoro individuale. Piuttosto che concentrarsi sul rapporto scrivania/dipendente, il design dell’ufficio è destinato a basarsi su spazi condivisi con una vasta gamma di scelte d’arredo per facilitare quello che le mura domestiche non sono in grado di offrire: lavoro di gruppo formale e informale, mentoring e chiacchiere da cui possono nascere grandi idee. Un design degli spazi in grado di trasmettere la brand identity e i valori dell’azienda sarà preferito al fine di coltivare il senso di comunità e di appartenenza.

2. Il comfort della propria casa

La pandemia ha inevitabilmente comportato un aumento in molte persone della paura di recarsi presso l’ufficio: gli spazi di lavoro di domani dovranno dunque essere il più possibile confortevoli e in grado di ricreare il benessere della propria casa in tutta sicurezza. Gli uffici includeranno sedute in stile lounge che permetteranno di organizzare riunioni mantenendo il distanziamento sociale, l’uso del verde quale soluzione esteticamente piacevole per distanziare e creare un ambiente rilassante e cucine attrezzate o aree break che riproducono gli agi di un ambiente domestico. Gli infissi touch-free – come i rubinetti automatici – e l’uso di materiali facili da pulire diventeranno uno standard per garantire che i dipendenti si sentano al sicuro negli spazi comuni.

3. Spazi piccoli e flessibili

Molte aziende non avranno più il medesimo numero di dipendenti in sede e questo comporterà un ripensamento del concept degli spazi secondo il modello dell’Hubs&Clubs: una sede centrale di rappresentanza a cui si aggiungeranno sedi secondarie più piccole e flessibili. Gli arredi modulari diventeranno una soluzione sempre più utilizzata per modificare facilmente la configurazione delle zone riunione e ospitare gruppi più o meno numerosi. Diminuirà la necessità di postazioni di lavoro individuali che verranno sostituite da aree di lavoro diversificate per ospitare più tipologie di attività, come ad esempio i divani e i banconi in stile bar per le sessioni di lavoro di gruppo informale e nicchie isolate per le sessioni individuali. Gli arredi saranno scelti per supportare il desk-sharing, compresi gli armadietti per la condivisione di documenti e i locker per riporre gli oggetti personali.

4. Sale riunioni all’avanguardia

A causa della necessaria riduzione degli spostamenti per lavoro e dell’aumento di riunioni in streaming, oltre a Internet ad altissima velocità, il design degli interni incorporerà call booth per garantire la privacy acustica durante le conferenze con clienti. Gli spazi designati ad accogliere gruppi di persone saranno dotati di schermi di grandi dimensioni e webcam posizionate in modo strategico per consentire ai colleghi collegati da remoto di partecipare comodamente alle riunioni. I sistemi intelligenti di prenotazione delle sale e i sensori di occupazione diventeranno soluzioni sempre più comuni al fine di garantire un uso efficiente degli spazi per le riunioni.

5. L’incremento del lavoro da casa

Con l’aumento dell’utilizzo dello smart working emergeranno nuovi stili di arredo per l’ufficio adattati alle abitazioni private: dai mobili multiuso, a scrivanie e sedie che possono delimitare la zona di lavoro all’interno di un’area living e nascondere l’occorrente per il lavoro dopo l’orario d’ufficio, a pareti divisorie o scaffali per separare acusticamente e visivamente lo spazio di lavoro all’interno di un’area più ampia.

6. Rivoluzione acustica degli ambienti

Una tendenza che caratterizzerà il 2021 sarà la rivoluzione acustica degli spazi. Gli arredi saranno trattati acusticamente o costruiti con materiali fonoassorbenti e le stanze della casa saranno insonorizzate lungo le pareti e i soffitti. Il design degli uffici incorporerà materiali fonoisolanti nei pavimenti sopraelevati, nei pannelli del soffitto e all’interno di pareti divisorie per ridurre la diffusione del suono da uno spazio all’altro. 

7. Attenzione alla sostenibilità e alla natura

La creazione di un ambiente di lavoro sostenibile per le persone e per il pianeta sarà un’ambizione fondamentale del design degli spazi di lavoro. Il sempre più forte bisogno di contatto con la natura comporterà l’incremento, da parte delle aziende, di introdurre il design biofilico che integrando materiali naturali e verde negli spazi di lavoro favorisce il benessere e permette di vivere più in linea con i propri valori. Con l’interior design che sfrutta la luce del giorno per ridurre la dipendenza dall’illuminazione artificiale, l’efficienza energetica è destinata ad assumere un ruolo sempre più importante. Sempre più uffici saranno poi progettati con materiali sostenibili provenienti da fornitori locali.

L’ufficio diventerà sempre di più un indicatore chiave del successo di un’azienda. Una vetrina sempre più indispensabile per esprimere la cultura aziendale e l’identità di un brand, un luogo di lavoro che offre un ambiente sano, sostenibile e comunitario diventerà un elemento distintivo ancora più importante per trattenere il personale e attrarre talenti.” Ha commentato Philippe Sourdois, Managing Director di Tétris Italia. “Dall’ufficio, le persone si aspetteranno molto di più che un semplice luogo dove sedersi e lavorare, e il design si sta evolvendo per riflettere l’importanza dell’ufficio come spazio di interazione sociale, generazione di idee e coltivazione di una comunità.”

 

Rassegna stampa

Monitor Immobiliare

Idealista News

Il Quotidiano Immobiliare

Requadro

Dimora Magazine

Il Mercato Immobiliare

Contract Network